Mese: aprile 2016

Evvai! Sesta vittoria per i ragazzi di coach Bianco in quel di Povolaro.

Il risultato finale di 57 a 37 non evidenzia la fatica fatta nei primi due quarti, nei quali i ragazzi sono sembrati un pò addormentati e anche molto imprecisi.
Probabilmente la mancanza di allenamenti nell’ultimo periodo e la stanchezza psicofisica accumulata in stagione (anche a causa del limitato roster) hanno inciso.
Il primo quarto, con molti errori da ambo le parti, si chiude sul 14 a 11 per i nostri. Il secondo non cambia sinfonia e si finisce 25 a 21, dopo che Povolaro era rientrato sul 21 pari.
Nell’intervallo lungo il coach suona la sveglia e, con alcune rotazioni azzeccate che alzano il ritmo, nel terzo quarto l’Araceli fa il break con le incursioni di un ottimo Munarini, autore alla fine di 12 punti.
Il quarto termina 8-23 con l’inserimento anche di Casonato che nelle ultime partite riesce a fare un pò di esperienza e non solo allenamento.
L’ultimo quarto è senza storia e i ragazzi mantengono a distanza gli avversari chiudendo sul +20 come all’andata.
La crescita tecnica comunque si vede e, in alcuni momenti, i ragazzi divertono e si divertono, a volte anche troppo perchè alcuni errori sarebbero da espulsione.
Oltre al citato Munarini, buona la prova di Bojovic, autore di 10 punti con 2 triple.
Gidoni e Meridio invece a fasi alterne ma va tenuto conto che erano appena tornati dal torneo di Pesaro, aggregati al Vicenza 2012, e quindi stanchi nel fisico e nella mente.
Dai ragazzi, mancano soltanto due partite per chiudere la stagione. 

Sotto col Thiene sabato 7 maggio alle 18,00 alla Rodolfi.

SOTTO CON I PLAY OUT

A Vigodarzere i ragazzi risentono forse dell’inutilità di un match che non porterebbe comunque fuori dalla zona Play out.
I problemi fisici di alcuni (molte le caviglie gonfie) fanno il resto e si rimane in partita solo fino all’intervallo lungo.
Il terzo quarto, al solito, è da incubo e i padroni di casa logicamente prendono il largo, anche perchè i nostri, tanto per non sbagliare (viste le inquietanti percentuali nel primo tempo), non tirano proprio e fanno 1 su 5 da 2.
Nell’ultimo quarto spazio ai giovani che danno un pò di sprint e provano un timido rientro. Alla fine, il risultato è di 54 a 42 e i punti sono la prova della scarsa vena al tiro, per numero e precisione.
Ora parte la roulette dei play out che vede 8 squadre giocarsi un solo posto, con grande perplessità da parte di tutti, anche perchè ancora non si sa come sarà il terzo turno (campo neutro con partita secca?).
A noi tocca il Riviera, come lo scorso anno, col “vantaggio” del fattore campo, sperando che i ragazzi mostrino il gioco e l’impegno visti nei tre recenti derby, i quali ci hanno portato in griglia in posizione favorevole sorpassando alla fine anche i cugini dell’Altavilla, ai quali tocca il Fiamma Venezia.
Il Riviera ha perso le ultime sette partite ma non è il caso di sottovalutarli.
Ora dipende tutto da noi.
Partita di andata in Piarda Fanton domenica 1 maggio alle 18,00.
IN BOCCA AL LUPO!

QUANDO SI CORRE E SI… SEGNA!!!!!

All’Araceli il derby di ritorno con l’Altavilla!

In Piarda Fanton è di scena l’ultimo derby vicentino (e casalingo) del girone di ritorno. Dopo le ottime prove con Argine, con la meritata vittoria al fotofinish, e Pizeta Summano (sconfitta con onore e sprazzi di bel gioco), anche con l’Altavilla i ragazzi di Meridio sfoderano una prova d’orgoglio, sia per cancellare la pessima prova dell’andata, forse la più brutta partita della stagione, sia per sperare in una salvezza diretta che, ad oggi, non è ancora definita dal regolamento.
Partita in equilibrio, ben giocata dalle due squadre che studiano i rispettivi punti deboli. Dopo il 6° però l’Araceli accelera e chiude il quarto a +7 sul 23-16, con bomba di Lauro sulla sirena. Contenuto Teso sotto canestro, la differenza è data dalla precisione al tiro dalla media (oltre 60%) e lunga distanza (40%).
Si riparte e le rotazioni del coach non mutano la sostanza; precisione al tiro e superiorità ai rimbalzi portano all’intervallo lungo i padroni di casa a +12  sul 43 a 31, con due bombe di capitan Donà che stroncano i tentativi di rientro dell’Altavilla.
Il temuto terzo quarto rimane in equilibrio fino a una ulteriore accelerazione dell’Araceli che, pur con un calo di precisione al tiro, difende bene e contiene i lunghi avversari, portandosi sul 60 a 41. Il +19 fa assaporare ai padroni di casa la possibilità di ribaltare il -21 dell’andata, che invertirebbe le posizioni in classifica.
L’Altavilla parte invece forte e con due bombe rientra fino a -10 (65 a 55), annullando le velleità di cui sopra dell’Araceli il quale, nonostante la stanchezza, riesce comunque a mantenere alta la concentrazione difensiva e chiude la partita sul 70 a 55.
Oltre alla solita sostanziosa prova di Baucke, 11 pt e fortissimo in difesa, si sono finalmente rivisti sui propri livelli sia Lauro, 12 pt a testa, che Malizia, anch’egli 12 pt e soprattutto gigante a rimbalzo (17). 
Ottima la prova di squadra e ottimo l’arbitraggio dei due giovanissimi veronesi Peretti e Pomari, i quali hanno ben gestito i rari momenti di tensione all’inizio del quarto quarto, quando gli avversari hanno tentato anche la carta dell’aggressività per invertire il trend della partita.
Sabato si chiude a Vigodarzere con ritrovata fiducia, sperando che dalla federazione arrivino finalmente buone notizie sul fronte play out. All’andata abbiamo buttato una partita già vinta all’half time che, al pari di quella con Limena, sta pesando su una classifica che poteva vederci ancora in lizza per i play off. Peccato.
Forza ragazzi, chiudiamo bene la regular season e poi vediamo cosa succede; un’altra vittoria sarebbe comunque di buon auspicio anche in caso di play out.

Under 18 mette la quinta

I ragazzi di coach Bianco mettono la quinta e proseguono imbattuti il torneo primavera. In Piarda scende in campo l’Aurora Camisano, già sconfitta all’andata con qualche patema. L’inizio evidenzia che i nostri ragazzi, quando corrono, mettono in difficoltà qualsiasi avversario, anche se i ragazzi di Bettio “non mollano l’osso” tanto facilmente e, con un gioco al limite, rimangono vicini nel punteggio. Il primo quarto finisce 18 a 13. Le assenze e i pochi cambi non consentono di mantenere sempre alti i ritmi e si arriva a metà partita con “soli” 10 di vantaggio, 33 a 23. Anche Camisano però ha la panchina corta e, dopo lo strappo del terzo quarto che porta i nostri avanti anche di 20, non riesce a rientrare in partita. Il parziale si chiude con il punteggio di 16 a 10 per un finale di 49 a 33. Nell’ultimo quarto i nostri prendono fiato e qualche disattenzione diventa inevitabile. Un pò di nervosismo per qualche colpo proibito e alcune decisioni arbitrali particolari e il quarto finisce a favore degli ospiti per 14 a 13, con la partita che termina 62 a 47. Sebbene l’arbitraggio non sia stato insufficiente, non sarebbe stato male qualche fischio in più per una partita comunque corretta, tanto per evitare qualche momento di tensione nel finale. Solo 28 i falli fischiati, non proprio equamente suddivisi, con un 17 a 11 a favore degli avversari. Detto questo, la mano del coach sta dando i frutti sperati. Peccato per l’inizio di stagione, dalle troppe difficoltà e con qualche infortunio di troppo, ma i ragazzi imparano e si divertono. Si torna in campo il 30/4 contro Povolaro in quel di Cavazzale. Forza ragazzi, finiamo bene la stagione per dimostrare a tanti che le scelte fatte non erano proprio… corrette.

Serie D sconfitta col PiZeta

Si sapeva che col PiZeta sarebbe stata dura. La capolista si giocava la promozione diretta alla categoria superiore con due giornate di anticipo e così è stato. Pertanto COMPLIMENTI agli avversari per il risultato ottenuto meritatamente.

La cronaca:
Coach Meridio prova a mettere in difficoltà gli avversari con buone turnazioni e difesa forte e per oltre metà partita l’Araceli resta incollata agli avversari che provano a scappare ma vengono sempre ripresi.
Il terzo quarto, bestia nera della nostra squadra, parte bene e al 4° siamo a -2 (!), poi si spegne la luce e ritorna il solito incubo, con un parziale di 31 a 15 che virtualmente chiude la partita.
A questo punto il tecnico dà più spazio ai giovani e, complice anche il rilassamento dell’avversario, i nostri provano un disperato rientro che sul -8 a due dalla fine si infrange sull’errore da 3 di Calvagna (che ci aveva dato la vittoria con l’Argine).
Il finale di 68 a 83 punisce un pò troppo i nostri, che hanno mostrato alcune cose buone ma per i quali, purtroppo, rimane il cronico difetto al tiro e, quando la media resta sotto al 30%, diventa difficile per tutti portare a casa la partita, figuriamoci quando di fronte c’è una corazzata come Summano.
Restano ancora due match a completare la regular season, entrambi alla nostra portata:

Domenica saremo ancora in casa e sarà ancora derby, con l’Altavilla. Ed è uno scontro diretto.

Il sabato successivo saremo in quel di Vigodarzere per rifarci della delusione dell’andata, nella qualei abbiamo letteralmente buttato alle ortiche una vittoria che peserà molto al termine del campionato.

Ad oggi non c’è ancora la formula ufficiale dei play out ma ormai non serve più fare alcun calcolo… Ragazzi, portiamo a casa queste due vittorie e poi si vedrà, in ogni caso sarebbe una fondamentale iniezione di fiducia per la post season.
In bocca a lupo e tutti in Piarda domenica alle 18 a tifare ARACELI.

U18 LA STRISCIA POSITIVA PROSEGUE

Prosegue da imbattuti il cammino della nostra U18 nel girone Primavera.
Quattro vittorie quattro che hanno permesso di agguantare il secondo posto.
Sabato alla Piarda Fanton era di scena la Pallacanestro Ezzelina che alla fine è stata sconfitta per 74 a 48.
I ragazzi hanno preso l’impegno un pò sottogamba lasciando giocare gli avversari e arrivando all’intervallo lungo sul 33 a 22 frutto anche di numerosi errori sia al tiro che da sotto.
Coach Bianco ha comunque dato spazio a tutti con continue rotazioni per rodare gli schemi applicati ed ottenendo in alcuni momenti sprazzi di buon gioco che però devono trovare maggiore continuità.
Sabato si riparte col girone di ritorno e, sempre alla Piarda Fanton alle ore 18 si presenterà l’Aurora Camisano, reduce da una brutta sconfitta in quel di Lonigo.
Forza ragazzi.

E vai con la terza!!!

Probabilmente non siamo belli da vedere, sicuramente non abbiamo dei gran fisici da “basket”, ma sapevamo di avere in mano una buona squadra che aveva solo bisogno di allenarsi e amalgamarsi. Una squadra composta, in parte, da ragazzi non abituati a giocare molto ma che, alla fine, mettendo dedizione e voglia (soprattutto in allenamento), hanno trovato continuità e risultati positivi. A Thiene non era facile fare risultato anche se, da come era cominciata, le cose sembravano più semplici. Palla a due alzata dall’inossidabile Carollo e si parte con una tripla di Gidoni seguito da 2 di Bojovic che subito fanno capire di avere la mano calda (8 punti a testa nel quarto) e il parziale si chiude con i nostri già avanti di 7, 13 a 20. Secondo quarto un po’ più equilibrato, con le due bocche di fuoco che si bloccano (un po’ di respiro per loro), ma che, grazie al risveglio di Meridio (5 per lui) e ai 4 liberi consecutivi alla fine del tempo di Bortolan, continuando a difendere con intensità il vantaggio, arriva fino al + 12 di fine parziale 9 – 14 (22 a 34). Si rientra dall’intervallo lungo ed è subito Fulgor. Con una sequenza notevole di tiri da fuori realizzati da Dal Maso e Binotto (12 punti a testa nel quarto) annulla il gap negativo e si porta in quasi parità, con i nostri che, sorretti dalle penetrazioni di Bojovic e Meridio (6 a testa), riescono a mantenere il minimo vantaggio di un punto, 47 a 48 il finale. Usando i termini “dell’odiato” calcio, zero a zero palla al centro e si riparte. Ultimo quarto in completo equilibrio con i ragazzi di Malfatti che mettono, per la prima volta nella partita, la testa avanti quando mancano pochi minuti alla fine. Però prima una bomba di Bojovic, con replica nel nostro canestro di Manea, e poi un’altra bomba di un “risvegliato” Gidoni ci riportano sul + 2, quindi un libero di Meridio per un tranquillo + 3 a un minuto dalla fine. Tensione alle stelle con Pozza che sbaglia i 2 successivi liberi della tranquillità, mentre dal lato opposto Binotto prima,1 libero, e poi Pisciotta da 2 pareggiano a 18‘’ al termine. Si va per l’ultima azione con Meridio che in penetrazione viene fermato fallosamente, mano ferma e realizza i due punti decisivi perché i Thienesi negli ultimi 8 secondi non riescono ad andare a canestro. Partita emozionante, con la squadra che in alcuni momenti ha mostrato un bel gioco e una bella intesa. Ora siamo secondi a pari punti con il Thiene, continuiamo così. Prossimo appuntamento il 9 aprile alle 18,00 in Piarda contro l’Ezzelina.

Forza Ragazzi!